OLTRE 100.000 EURO PER ALLEGGERIRE LE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DAL PESO DELLA TARI

Per quanto le utenze non domestiche l’Amministrazione destinerà 104mila 521,59euro, proveniente dall’avanzo di amministrazione 2019.

L’importo sarà utilizzato per quelle attività ricettive che sono rimaste chiuse durante l’emergenza sanitaria e quindi non hanno usufruito del servizio della raccolta rifiuti.

La riduzione dell’importo nella bolletta di dicembre, sarà commisurata ai giorni di effettiva chiusura sia per chi è rimasto chiuso per le disposizioni impartite dal governo e sia per chiusura volontaria.

Le autocertificazioni dovranno pervenire agli uffici comunali attraverso Pec, entro la data del 13 settembre prossimo. Le richieste per le agevolazioni TARI delle utenze non domestiche, saranno trattate da AS2, che applicherà il ricalcolo nell’ultima rata di dicembre, in base alle disposizioni e alle tariffe regolate da Arera (l’Autorità di Regolazione per l’Energia, le Reti e l’Ambiente).

L’esenzione totale della parte variabile della tari per le utenze non domestiche, nei giorni di chiusura dichiarati dalle attività produttive, sarà applicata per un periodo massimo di tre mensilità, mentre per quanti hanno tenuto aperto e hanno lavorato effettuando le consegne a domicilio l’esenzione sarà applicata al 50%.

Vai ad inizio pagina